BitCity
Consumer Block Notes Curiosità

Google, auguri a Mary Shelley (con il consueto logo)

Google oggi rende omaggio alla scrittrice inglese Mary Shelley, nata a Londra il 30 agosto del 1797. La Shelley è passata alla storia come autrice dell'opera letteraria gotica "Frankenstein" e il logo dedicato di Google rispecchia proprio quelle atmosfere.

di:

Pubblicato il: 30/08/2010 nella categoria Block Notes.

Google, auguri a Mary Shelley (con il consueto logo)

Google oggi dedica il suo logo alla scrittrice inglese Mary Shelley, nata il 30 agosto del 1797 a Londra e autrice dell'opera letteraria Frankenstein.
google-auguri-a-mary-shelley-con-il-consueto-logo--2.jpg
Mary, figlia del filosofo William Godwin e dell'attivista femminile Mary Wollstonecraft, all'età  di 20 anni incontra, durante un soggiorno in Scozia,  il giovane e geniale poeta Percy Bysshe Shelley, che sposa nel 1816, dopo una rocambolesca fuga in Svizzera.
google-auguri-a-mary-shelley-con-il-consueto-logo--3.jpg
Alle spalle del poeta si nascondeva una tragedia poichà© aveva già  perso una prima moglie, Harriet Westbrook, morta suicida e causa della rottura dei suoi rapporti col padre, che non avrebbe mai più visto. L'eccessivo e inquieto poeta inglese diverrà  poi celebre per il racconto "La regina Mab" e per il dramma lirico "Prometeo liberato". Con lui, Mary viaggia in Francia, Germania e Olanda. 
Nel 1822, dopo essersi trasferiti a La Spezia, Percy Shelley ed un amico, marito di un'amica comune, partono alla volta di Genova: i due non torneranno più e il corpo senza vita del poeta viene rinvenuto tra i flutti il 15 luglio. 
Tornata a Londra dopo la morte del marito, Mary vive in Inghilterra con i proventi del proprio lavoro di scrittrice professionista. Autrice di vari romanzi, diverrà  famosa soprattutto per il romanzo "Frankenstein" o "Il Prometeo moderno", il suo primo libro scritto nel 1818 e nato quasi per gioco, ossia quando Lord Byron, durante un soggiorno estivo con gli Shelley e il fido Polidori a Ginevra, suggerì che ciascuno di loro scrivesse un racconto dell'orrore, racconto che poi ognuno avrebbe letto agli altri come passatempo serale.
Shelley compose un'opera breve intitolata "The Assassins", Byron scrisse il racconto "The burial" (che poi venne pubblicato nel 1819 con il titolo "A fragment") mentre Polidori creò la romantica figura di un vampiro affascinante e misterioso, con il romanzo breve "The vampire".
Mary scrisse invece Frankenstein, dopo averlo sognato in un terribile incubo (così almeno narra la leggenda). Il soggetto è comunque palesemente ispirato al mito antichissimo dell'uomo creatore della vita (ma anche alle "Metamorfosi" di Ovidio e al "Paradiso perduto" di Milton), ma in cui al prodigio si sostituiscono chimica e galvanismo. 
Il libro tratta la storia di un giovane svizzero studioso di filosofia naturale che, servendosi di parti anatomiche sottratte a vari cadaveri, costruisce una creatura mostruosa, cui riesce con procedimenti di cui lui solo ha il segreto a infondere la scintilla della vita.
Malgrado l'aspetto terrificante la creatura si rivela la quintessenza della bontà  di cuore e della mitezza d'animo. Ma quando si accorge del disgusto e della paura che suscita negli altri, la sua natura, incline alla bontà , subisce una totale trasformazione ed egli diviene un'autentica furia distruttiva. Dopo molti delitti finisce per uccidere anche il suo creatore.
Il romanzo fu pubblicato nel 1818 e ottenne subito un grande successo: nel 1823 era già  alla sesta ristampa ed è una delle opere più lette di sempre.
L'argomento che mischia horror e fantascienza fu di ispirazione per numerosi adattamenti teatrali e cinematografici.
google-auguri-a-mary-shelley-con-il-consueto-logo--1.jpg





Navigazione:

Torna alla Home Torna alla sezione Block Notes Pagina precedente














News

Milano, lunedì 21 gennaio sciopero di 4 ore dei mezzi pubblici Milano, lunedì 21 gennaio sciopero di 4 ore dei mezzi pubblici

Le sigle sindacali Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl, Faisa-Cisal e Fast Confsal hanno proclamato uno...

Nel 2017 torna l'inflazione, prezzi in crescita Nel 2017 torna l'inflazione, prezzi in crescita

Secondo i dati Istat, a dicembre 2017 l'indice per l'intera collettività (NIC) è cresciuto dello 0,4% su...

Saldi, cresce la propensione all'acquisto Saldi, cresce la propensione all'acquisto

Capi di abbigliamento, calzature, accessori di moda, biancheria intima i prodotti più acquistati. Negozi...

Oggi parte la stagione dei saldi invernali Oggi parte la stagione dei saldi invernali

Si spenderà circa 143 euro a persona per abbigliamento, calzature ed accessori.

Coop, a Milano il supermercato del futuro Coop, a Milano il supermercato del futuro

Il punto vendita è in zona Bicocca, all'interno dello spazio Bicocca Village. Un ambiente accogliente di...

Esselunga, serrande abbassate in segno di lutto lunedì 3 ottobre Esselunga, serrande abbassate in segno di lutto lunedì 3 ottobre

In segno di lutto per la morte del fondatore, Bernardo Caprotti, lunedì 3 ottobre - mattina - tutti i punti...

Vendite al dettaglio, segno meno per il mese di luglio Vendite al dettaglio, segno meno per il mese di luglio

Secondo gli ultimi dati Istat, nessun segnale di ripresa per il commercio italiano con i consumi che sono...

Archivio




GdoCity:
Canali:
Area Consumer:
Sottocategorie Consumer:
Area Business:
Sottocategorie Business:
Rss:
Uspi
GdoCity è testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 22/08 del 02/10/08 - Iscrizione ROC n. 15698


G11 MEDIA S.R.L.
Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.
G11Media