BitCity
Consumer Prima di acquistare Mercato

Dispositivi tecnologici, nuovo decreto sull'equo compenso

Dopo che il Ministero per i Beni e le Attività  Culturali ha introdotto un decreto che estende la norma dell'equo compenso per copia privata a tutti i dispositivi tecnologici dotati di memoria si scatenano le proteste.

di:

Pubblicato il: 25/03/2010 nella categoria Prima di acquistare.

Dispositivi tecnologici, nuovo decreto sull'equo compenso

L'"equo compenso" sarà  presto esteso a tutti i dispositivi tecnologici. La novità  è stata introdotta dal Ministero per i Beni e le Attività  Culturali attraverso la firma, da parte del ministro Sandro Bondi, del decreto di rideterminazione del compenso per copia privata (vedere decreto)
Di cosa si tratta? L'equo compenso è una norma che obbliga i produttori di beni tecnologici dotati di memoria di archiviazione a pagare una tassa alla Siae, con il motivo che attraverso tali dispositivi l'utente può effettuare una copia personale (la cosiddetta "copia privata") di opere protette da diritto d'autore.
Se fino ad oggi tale norma era applicata solo a Cd, Dvd e masterizzatori, ora essa sarà  estesa ad ogni oggetto tecnologico dotato di memoria: Pc, computer, cellulari, smartphone, lettori mp3, decoder e altri ancora.
La firma del decreto ha subito sollevato polemiche: a lamentarsi sono soprattutto le associazioni di consumatori, che vedono nel provvedimento solo un altro modo di alimentare le casse della Siae attingendo direttamente dai contribuenti (sarà  infatti molto probabile un aumento generalizzato dei prezzi dei dispositivi). Per fare un solo esempio; per un computer con un disco fisso superiore ai 250 Gbyte il produttore si vedrà  accollare dalla Siae un aumento di 29,98 euro.
Tra gli altri, l'associazione Altroconsumo ha commentato: "Pur riconoscendo giustamente quanto dovuto ad autori ed editori giudichiamo questo favore alla Siae ingiusto soprattutto perchà© applicato sulle tasche dei consumatori in un momento di crisi".
Di opinione diametralmente opposta, com'è ovvio, la stessa Siae, che ha affermato: "L'emanazione del decreto segna un capitolo di rilevante importanza per la tutela dei contenuti culturali in Italia; si è colmato un vuoto normativo che sacrificava il ruolo dei titolari dei diritti sulle opere dell'ingegno da più di sei anni".
In un comunicato stampa ufficiale, l'organismo afferma la conformità  della norma alla situazione europea: "...Rispondendo ai principi e alle regole che l'Unione Europea ha da tempo indicato a tutti i Paesi, il decreto allinea l'Italia alle realtà  economico-commerciali presenti nei Paesi di area euro che più sono vicini al nostro".
Il decreto del Ministero istituisce anche un tavolo di lavoro, cui parteciperanno tutti i soggetti interessati, chiamato a monitorare l'evoluzione del mercato dei dispositivi toccati dalla nuova tassa, anche ai fini dell'aggiornamento triennale del decreto.
"L'approvazione del decreto ci lascia assolutamente sconcertati": con queste parole, Alessandro Mondini Branzi, Amministratore Delegato di Nokia Italia, ha commentato la notizia sul decreto che estende la norma dell'equo compenso per copia privata a tutti i dispositivi tecnologici dotati di memoria.
Branzi ha spiegato che "Nokia crede fermamente che l'imposizione di questa tassa sulla copia privata sia iniqua e ingiustificata. Infatti l'ascolto di musica è solo una delle tante funzioni disponibili sul telefono cellulare, il cui contenuto è solitamente acquistato legalmente dal consumatore che ha pertanto già  completamente pagato i diritti d'autore. Imporre una nuova tassa sui telefoni cellulari costringe quindi i consumatori a pagare due volte per lo stesso contenuto. Nokia crede che non sussista un fondamento legale o una base razionale alla tassa sulla copia privata applicata ai telefoni secondo quanto previsto dalla direttiva europea sulla copia privata".






Navigazione:

Torna alla Home Torna alla sezione Prima di acquistare Pagina precedente














News

Nel 2017 torna l'inflazione, prezzi in crescita Nel 2017 torna l'inflazione, prezzi in crescita

Secondo i dati Istat, a dicembre 2017 l'indice per l'intera collettività (NIC) è cresciuto dello 0,4% su...

Saldi, cresce la propensione all'acquisto Saldi, cresce la propensione all'acquisto

Capi di abbigliamento, calzature, accessori di moda, biancheria intima i prodotti più acquistati. Negozi...

Oggi parte la stagione dei saldi invernali Oggi parte la stagione dei saldi invernali

Si spenderà circa 143 euro a persona per abbigliamento, calzature ed accessori.

Coop, a Milano il supermercato del futuro Coop, a Milano il supermercato del futuro

Il punto vendita è in zona Bicocca, all'interno dello spazio Bicocca Village. Un ambiente accogliente di...

Esselunga, serrande abbassate in segno di lutto lunedì 3 ottobre Esselunga, serrande abbassate in segno di lutto lunedì 3 ottobre

In segno di lutto per la morte del fondatore, Bernardo Caprotti, lunedì 3 ottobre - mattina - tutti i punti...

Vendite al dettaglio, segno meno per il mese di luglio Vendite al dettaglio, segno meno per il mese di luglio

Secondo gli ultimi dati Istat, nessun segnale di ripresa per il commercio italiano con i consumi che sono...

Pokkén Tournament per Wii U, a marzo sugli scaffali Pokkén Tournament per Wii U, a marzo sugli scaffali

Pokkén Tournament, il nuovo picchiaduro in 3D che permette ai giocatori di lottare come Pokémon in arene di...

Archivio




GdoCity:
Canali:
Area Consumer:
Sottocategorie Consumer:
Area Business:
Sottocategorie Business:
Rss:
Uspi
GdoCity è testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 22/08 del 02/10/08 - Iscrizione ROC n. 15698


G11 MEDIA S.R.L.
Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.
G11Media